ASPETTI TECNICI E VANTAGGI

PERCHÉ UN SISTEMA ARTICOLATO

Regolazione di assetto

La capacità di regolare l’assetto in alto e/o in basso (posizione dell’elica nel piano verticale) è ottenuto attraverso un cilindro idraulico chiamato “cilindro di assetto” (“trim cylinder”). La possibilità di regolare l’assetto verticale dell’ Arneson Surface Drives permette di variare l’immersione dell’elica e di equiparrarne la potenza assorbita con quella rilasciata dal motore. In questo modo viene convertita più potenza in spinta, mentre il motore lavora più vicino oppure in prossimitàdella curva di potenza nominale.

Con un sistema articolato come l’Arneson Surface Drives l’immersione dell’elica può essere regolata mentre l’imbarcazione è in navigazione ,permettendo così la selezione dell’angolo di spinta ottimale per diversi condizioni di dislocamento e di mare.


Click For Sample
Click for sample (0,9MB)


Governabilità

Il controllo e la riposta del sistema timoneria sono massimi quando il sistema utilizzato è ad elica direzionale. Diversamente dai sistemi convenzionali, in cui le eliche spingono acqua su un timone posteriore che ne devia il flusso provocando in modo indiretto la variazione di direzione dell’imbarcazione, l’Arneson Surface Drives permette di variare la direzione di spinta dell’elica portandola a coincidere con la direzione di movimento . Per questo l’ ASD può girare con angolo di virata più stretto rispetto ad un sistema ad asse fisso con timone. Tests hanno dimostrato che il sistema ad elica direzionale ha un effetto doppio rispetto all’effetto di eliche con timoni. La manovrabilità è migliore ad ogni velocità. Il sistema di governo dell’imbarcazione equipaggiata con ASD è servo assistito mediante pompe di azionamento direttamente calettate sui motori. Per motivi di sicurezza si consiglia sempre l’installazione di una doppia pompa di governo.
 


Click for sample
Click for sample 1,2MB)

Reversibilità

Le trasmissioni di superficie sono erroneamente conosciute per la loro reputazione di scarsa capacità di manovra a marcia indietro.

Questo è dovuto principalmente ad una idea preconcetta derivante dalle prime applicazione storiche. Infatti le prime imbarcazioni munite di sistema di propulsione di superficie erano imbarcazioni ad alta velocità (p.es., le imbarcazinoi originali con ASD erano tutte barche da corsa). Le eliche progettate per queste alte velocità avevano una forma di pala estremamente efficiente per il raggiungimento della velocità massima, del tipo denominato “cleaver” (dalla forma del bordo di uscita tagliato a coltello con lama molto tagliete n.d.t.) ma conseguentemente inefficiente per eseguire la marcia indietro caratteristica d’altraparte non richiesta a questo tipo di imbarcazioni.

Le eliche utilizzate oggi in applicazioni diporto militare e commerciali hanno una forma completamente diversa ed appositamente studiata per l’impego. Nuovi disegni di pale (round tip) sono stati studiati e realizzati dai maggiori produttori di eliche .

Queste nuove forme insieme alla capacità del sistema Arneson di regolare verso il basso la trasmissione durante le operazioni di ormeggio e ad una appropriata forma dello scafo e della poppa, hanno permesso di migliorare notevolmente la manovrabilità nelle condizioni specificate rendendola almento equivalente a quella dei sistemi convenzionali.

Infatti diversamente dai sistemi di superficie ad asse fisso, l’Arneson Surface Drives può essere abbassato (regolazione di assetto) durante le manovre a bassa velocità e durante le fasi di marcia indietro e ormeggio permettendo all’elica di lavorare in acque più profonde e di evitare di indirizzare il flusso direttamente sullo specchio di poppa dell’imbarcazione.

  1. 15-30% aumento di velocità rispetto a sistemi convenzionali
  2. 15-30% aumento di efficienza carburante
  3. Manovrabilità in acque poco profonde
  4. Ridotta cavitazione
  5. La più ampia selezione di eliche
  6. Ridotta resistenza subacquea di appendica fino a 50%
  7. Governo di spinta positivo – manovrabilità superiore
  8. Semplicità di manutenzione – meno di 20 parti movibili
  9. Poche esigenze di manutenzione
  10. Maggiore flessibilità di dislocamento motori
  11. Meno vibrazioni – Condizioni di lavoro più levigate